SFATIAMO I FALSI MITI SUGLI APPARECCHI ACUSTICI

Non danno fastidio, non cadono quando indossati e non fischiano!

Come addetti ai lavori ci rendiamo conto sempre più spesso di una cosa: gli apparecchi acustici sono oggetti misteriosi, poco conosciuti. Le persone non ne conoscono la forma, il costo, il funzionamento. Non sanno ad esempio che gli apparecchi acustici moderni sono ormai dei computer in miniatura, ben diversi rispetto alle grandi “banane beige” di una volta. Per questo noi di Cisas abbiamo deciso di raccogliere in questo articolo-guida una serie di falsi miti da sfatare sugli apparecchi acustici. Prima di procedere con la lettura, ti ricordiamo che per ogni dubbio o domanda puoi passare a trovarci in uno dei Centri per l’Udito Cisas a Napoli e in Campania o chiamarci al numero 0810511500. Puoi anche fissare un appuntamento per un consulto, è gratuito e senza impegno! I nostri professionisti dell’udito sono a tua disposizione.

1) Gli apparecchi acustici danno fastidio o causano dolore

Questo è sicuramente uno dei preconcetti più duri a morire. L’origine può essere individuata nelle vecchie tipologie di apparecchi, che erano molto più grandi, ingombranti e perciò invasivi. Le moderne soluzioni per l’udito sono molto diverse, più piccole. In generale si tratta di strumenti pensati e progettati per dare sollievo, non certo fastidio. Qui diventa fondamentale il ruolo dell’audioprotesista, che segue il cliente dal Test dell’udito fino all’applicazione e alla regolazione personalizzata dell’apparecchio. Sarà lui, forte della sua professionalità e della sua esperienza, ad assicurarsi che la soluzione scelta sia quella giusta e che sia regolata in modo da apportare il massimo del beneficio a chi la indossa.

2) Gli apparecchi acustici fischiano

Qui non si tratta di un “falso mito”, ma di un problema che effettivamente poteva verificarsi nelle soluzioni per l’udito di vecchia generazione. Tanti clienti infatti riferivano di udire un fischio fastidioso. Oggi non succede più, grazie alle moderne tecnologie che hanno introdotto il controllo del feedback.

3) Alterano i rumori ambientali

In realtà è l’opposto: i moderni apparecchi acustici, infatti, sono stati pensati proprio per offrire a chi li usa un panorama sonoro il più naturale possibile. In particolare, le soluzioni Oticon con Tecnologia OpenSound permettono di capire bene anche nel rumore e in situazioni complesse, come ad esempio le conversazioni con più partecipanti all’interno di ambienti rumorosi.

4) Cadono una volta indossati

Si tratta di una domanda molto frequente, e la risposta è semplice: no, non cadono. Basta leggere le testimonianze dei nostri clienti, su questo sito, per capire che non c’è alcun pericolo. Anche per chi porta gli occhiali!

5) Sono grandi e brutti da vedere

Anche l’estetica vuole – giustamente – la sua parte. Lo sanno bene le aziende produttrici, che ormai realizzano prodotti dal design moderno e accattivante. Un esempio? Le soluzioni Oticon con Tecnologia OpenSound con batterie ricaricabili. Riguardo alle dimensioni, infine, le immagini parlano da sole. I moderni apparecchi acustici una volta indossati scompaiono alla vista. E potrai dire addio alla paura che qualcuno li veda!

6) Non si possono usare per telefonare o per guardare la tv

Anzi, è l’opposto: le soluzioni attuali si integrano perfettamente con tutti i moderni strumenti di comunicazione.

7) È sufficiente regolarli una volta sola

Scegliere l’apparecchio acustico giusto è importante, ma non basta per tornare a sentire bene. Per arrivare a questo risultato, come abbiamo scritto più volte e come abbiamo spiegato in questo video, è fondamentale regolare l’apparecchio in maniera corretta. Questo è un compito che spetta all’audioprotesista e che va ripetuto nel corso del tempo. Ogni perdita uditiva è infatti diversa dalle altre e l’audioprotesista deve seguire il cliente in maniera costante, in modo da assicurarsi che sia sempre soddisfatto. Per questo Cisas offre ai suoi clienti assistenza programmata, continua e garantita a vita.

8) Sono troppo costosi

Abbiamo approfondito questo argomento in un articolo di blog, a cui rimandiamo per i dettagli. Cosa possiamo aggiungere… Come è normale e comprensibile, la questione del costo è sempre rilevante e molto sentita dai clienti. In estrema sintesi: è giusto che si sappia che gli apparecchi acustici non sono prodotti low cost. Il motivo non è dovuto soltanto all’incredibile e avanzatissima tecnologia di cui sono dotati, ma anche al fatto che nel costo è compresa una lunga serie di servizi (a partire dalla regolazione) che il Centro Audioprotesico deve garantire affinché il cliente rimanga soddisfatto. Per ridurre ulteriormente l’impatto della spesa, Cisas offre poi ai suoi clienti sistemi di pagamento personalizzati, con mini-rate a interessi zero. Inoltre, con la Carta del Buon Udito Cisas, è possibile accedere a ulteriori sconti e offerte speciali!

9) Si possono acquistare anche in farmacia

Non fatevi ingannare da offerte mirabolanti e prezzi molto bassi. Spesso non si tratta di apparecchi acustici, ma di semplici amplificatori. Gli amplificatori si possono acquistare in farmacia ed è vero, costano poco, ma non risolvono certo i problemi di udito.

10) Si può risparmiare acquistando online

Stesso discorso: non vi fidate delle offerte, soprattutto quelle online. Gli apparecchi acustici di un certo livello non possono costare sotto una certa cifra, e soprattutto non possono essere venduti online. Sono dispositivi medici che devono essere applicati e regolati da professionisti laureati in Tecniche Audioprotesiche. C’è un iter preciso e dettagliato da seguire, del tutto incompatibile con la vendita online.

RITORNA A SENTIRE BENE

Se pensi che il tuo udito o quello di un tuo caro siano in calo, contattaci. Gli esperti dell’udito Cisas sono a tua disposizione. Presso i nostri Centri a Napoli e Aversa troverai tecnologie all’avanguardia, apparecchi acustici invisibili e ricaricabili e soluzioni per gli acufeni.